Diamo una famiglia a chi non ce l'ha. Ci stai?

ITA  | ENG

8. Settori di impiego

Le attività svolte presso i laboratori della cooperativa sociale “Il Pungiglione” e le postazioni degli apiari nel territorio della Lunigiana hanno l’obiettivo principale di fornire una esperienza fortemente organizzata di tipo principalmente ergoterapico che preveda, inserendosi come strumento riabilitativo della persona, una progettazione ad hoc, specifica sui bisogni espressi durante la convivenza in casa famiglia.

Essendo la cooperativa una realtà produttiva è previsto e realizzato che alcuni percorsi delle persone inserite che si sono caratterizzate inizialmente per l’attivazione di diversi strumenti disponibili (borse lavoro erogate da enti terzi, tirocini formativi, inserimenti decretati dal magistrato per l’inserimento di tipo volontaristico di soggetti in misura alternativa alla carcerazione) si possano trasformare in rapporti di lavoro subordinato veri e propri.

Per questo l’attività è organizzata come laboratorio protetto ma con particolare attenzione anche all’aspetto produttivo che solo se ottimizzato può divenire veramente educativo e agente di cambiamento.
Sono state scelte queste aree di attività per formazione specifica degli operatori e perché profondamente si prestano ad essere laboratorio per la vita.

La possibilità di creare un vero e proprio polo altamente specializzato nella attività della Apicoltura da diversi punti di vista (cura delle famiglie e produzione di miele e derivati di altissima qualità, produzione di accessori in legno per il settore, creazione di un centro studi e biblioteca per approfondire le conoscenze nel campo dell’apicoltura) integrerà persone che per motivi diversi già frequentano e frequenteranno in numero sempre maggiore il centro di Boceda, dando la possibilità di creare relazione tra chi viene definito svantaggiato e che comunque arriva da percorsi di sofferenza e chi si avvicina solo per motivi professionali legati all’apicoltura, instillando in tutti motivi di riflessione e opportunità per un reale cambiamento e sensibilizzazione verso l'”ALTRO”.

8.1. SETTORE AGRICOLO

8.1.1. Apicoltura: allevamento e cura delle api, produzione miele e altri prodotti dell’alveare.

L’apicoltura è un settore dell’agricoltura molto interessante per i fini che si vogliono raggiungere con il presente progetto, in quanto la nostra esperienza ci ha fatto constatare come questa attività agricola sia efficace dal punto di vista terapeutico e della rieducazione dei soggetti con trascorsi problematici, per la sua attività manuale intensa a contatto con una natura da rispettare e dei cicli biologici a cui adeguarsi.
L’attività dell’apicoltura è già avviata da una famiglia dell’Associazione Papa Giovanni XXIII che già da vent’anni opera in Lunigiana in questo settore con una attività familiare regolarmente iscritta all’albo degli agricoltori diretti. L’esperienza acquisita e l’allevamento ottenuto in questi anni è stato messo a disposizione per la formazione di nuovi addetti e per potenziare l’allevamento (che dal 2001 al 2004 ha raggiunto il numero di circa 900 famiglie).
Oltre alla produzione di miele, questa attività si sta attrezzando per la produzione di pappa reale, propoli, nuovi sciami, regine, cera d’api e derivati.

8.1.2. Produzione piante officinali

L’Associazione “Comunità Papa Giovanni XXIII” ha a disposizione una serra in nailon riscaldata di ca. 200 mq. nel Comune di Massarosa.
Alcuni membri di Comunità che abitano nella Casa Famiglia “Il Cireneo” si sono resi disponibili e hanno già iniziato in modo sperimentale la coltura dell’aloe, una pianta aventi diverse proprietà curative nel campo della medicina sperimentate e verificate.
Molte sono le richieste di queste piante, si sta valutando il posizionamento di altre serre.

 

8.2. SETTORE ARTIGIANALE

8.2.1. Falegnameria

La falegnameria artigianale è una attività che nella nostra zona col passare degli anni trova sempre meno addetti per svariati motivi. Quindi ci sono sufficienti spazi per potersi inserire sul mercato locale con la produzione tradizionale di infissi e mobili su misura, mobili di tipo rustico e mobili massello in stile, il restauro di mobili ed oggetti in legno.
Ad ora si producono unicamente articoli in legno per l’apicoltura: dall’arnia completa per varie esigenze ai singoli accessori necessari nelle fasi di cura, allevamento ed estrazione del miele sfruttando l’esperienza acquisita in questo campo che ci aiuta a trovare per ogni prodotto una soluzione precisa ed adatta.
Già in altri progetti sviluppati dall’Associazione Papa Giovanni XXIII abbiamo sperimentato come questa attività sia molto adatta alla riabilitazione sociale di soggetti adulti svantaggiati fornendo un percorso formativo di tipo professionale per l’avviamento al lavoro: il formarsi e lavorare in una falegnameria artigianale sviluppa una educazione al lavoro e fornisce basi certe nell’acquisizione di un “mestiere”. Inoltre rappresenta una valida attività per la rieducazione alla responsabilità ed alle relazioni sociali.